MINIBOND: KEVIN TEMPESTINI INTERVIENE A UN CONVEGNO ORGANIZZATO DA CONFINDUSTRIA VENEZIA

Come si può uscire dalla morsa del credit crunch? A questa domanda ha cercato di dare una risposta il convegno, tenutosi nella giornata del 14 novembre, organizzato dal Gruppo Giovani di Confindustria Venezia. Una soluzione per le piccole e medie imprese italiane potrebbe essere, infatti, l’utilizzo di forme di finanziamento diverse da quelle standard. Nel corso dell’evento è stato presentato un caso esplicativo, quello dell’azienda modenese “Primi sui Motori” che, dopo la quotazione all’Aim (Mercato Alternativo del Capitale), ha emesso un minibond, ovvero un’obbligazione alternativa al credito bancario. Alla tavola rotonda, alla quale hanno partecipato Kevin Tempestini di KT&Partners, Roberto Culicchi dello studio legale Hogan Lovells, Eugenio Namor di Anthilia Capital Partners SGR, Matteo De Poli, professore all’Università di Padova, Alessandro Reggiani di Primi sui Motori e Matteo Zoppas, Presidente di Confindustria Venezia, si è discusso principalmente del nuovo decreto legge che darà vigore ai minibond. Questa forma di finanziamento, utilizzata principalmente dalle grandi aziende, potrebbe presentare potenzialità interessanti anche per le piccole e medie imprese.